Centri estetici e centri benessere – Quali sono i requisiti e le normative di riferimento (Seconda parte)

offerteQuale forma giuridica scegliere?

La forma giuridica scelta per un centro dipende dal numero di soci e dall’importo degli investimenti che si ritiene di realizzare. Una forma giuridica piuttosto che un’altra può presentare determinati vantaggi e caratteristiche. Sono sicuramente da valutare, in base alla tipologia societaria, le responsabilità ed i rischi dei soci e degli amministratori, l’importo minimo dell’investimento, i costi notarili di costituzione e gestione dei libri contabili, e da non sottovalutare le posizione contributiva INPS.

Per esempio, una ditta individuale avrà dei costi notarili di costituzione e di tenuta della contabilità di gran lunga inferiori ad una S.R.L. (Società a responsabilità ordinaria). Ultimamente sono da valutare anche le SRL ad un Euro o le SRL a Capitale ridotto, che rispetto ad una ordinaria hanno il duplice vantaggio di prevedere un capitale minimo esiguo e spese di costituzione più basse. Importante è anche valutare la possibilità di utilizzare il nuovo regime dei minimi, per ottenere risparmi di imposta consistenti soprattuto nei primi anni di attività. Infatti la tassazione in regime dei minimi, ad oggi, è al 5%, piuttosto che il 27,5% delle SRL.

La forma giuridica consigliabile nel caso di un centro estetico di piccole dimensioni è l’impresa artigiana in forma individuale. Nel caso in cui si ipotizzasse la costituzione di una società di persone, che deve essere costituita obbligatoriamente da due soci, l’apporto di capitale proprio potrebbe sicuramente essere maggiore, riducendo la necessità di ricorrere ai finanziamenti bancari. Da valutare, anche il contratto di “fitto di poltrona e cabina”, già descritto in nostro articolo, che ha l’indiscusso vantaggio di ridurre i costi fissi della propria struttura.

Ultimamente si sta diffondendo nell’ambiente estetico anche la formula del Franchising. Le società di settore forniscono politiche di marketing e di comunicazione e corsi di aggiornamento che aiutano il neofita a districarsi nel complesso mondo dell’estetica. Per quanto concerne i centri di estetica dotati di lampade solari, questi mantengono invariata la loro natura artigiana. Qualora la prevalenza dei ricavi dovesse provenire dal centro di abbronzatura, allora l’attività sarebbe considerata commerciale.

L’importanza dell’analisi di mercato e le scelte strategiche – La localizzazione dell’impresa.

Per una localizzazione strategica dell’impresa occorre valutare i seguenti fattori:

  1. Presenza di potenziali clienti, con particolare riferimento alla distribuzione di persone nella fascia d’età tra i 20 e i 50 anni;
  2. Presenza di uffici, scuole, palestre, centri commerciali;
  3. Presenza di altri centri estetici o solarium nella stessa zona;

Quale disposizione devono avere i locali?

In base alla grandezza dei locali a vostra disposizione, bisognerà distribuire i trattamenti offerti in aree specifiche ed opportunamente attrezzate.

  • Zona accoglienza: opportunamente allestita con specifiche poltrone e sedute, tavolini dove il cliente, potrà leggere riviste di settore e soprattuto venire informato dei nuovi trend.
  • Zona ceretta: lettino, scaldacera e eventualmente le nuove tecnologie per l’eliminazione definitiva dei peli (luce pulsata IPL, ecc. ecc)
  • Zona massaggi e pressoterapia
  • Zona trattamenti corpo
  • Zona trucco
  • Zona solarium, qualora prevista (doccia, trifacciale,lettino)

L’ultimo trend è anche costituito dall’allestimento di spazi dove il cliente può serenamente consumare tisane o bevande in base ai trattamenti che farà o avrà effettuato.

(….Continua…)

Lascia un commento